ISOLAMENTO ACUSTICO

FONOISOLAMENTO E FONOASSORBIMENTO - PARAMETRI - PRESTAZIONI - LEGISLAZIONE E INCENTIVI - CURIOSITÀ

L’isolamento acustico deve essere progettato a seconda del risultato che si vuole ottenere. Quando si vuole impedire la trasmissione del suono tra spazi diversi, ci si riferisce al fono-isolamento. Quando invece si vuole attenuare il suono prodotto nello stesso locale in cui si trova la sorgente di rumore, ci si riferisce al fono-assorbimento.

E’ importante sottolineare che fono-isolamento e fono-assorbimento non sono legati l’uno all’altro: l’aumento dell’assorbimento del suono in un determinato spazio non significa necessariamente un incremento corrispondente dell’isolamento acustico tra spazi adiacenti.

Un buon fono-isolamento è necessario in tutti gli edifici: una parete si oppone alla trasmissione del rumore aereo grazie alla propria massa ed alle proprie caratteristiche smorzanti ed elastiche.
In particolare, queste ultime, anche in assenza di pareti pesanti, permettono di ottenere un elevatissimo isolamento al rumore aereo grazie al sistema “massa-molla-massa” nel quale determinati materiali isolanti riescono ad impedire la trasmissione del suono.

Il fono-isolamento del rumore da impatto è particolarmente importante per i pavimenti, per i quali assume il nome di isolamento dal calpestio (ovvero dai rumori prodotti direttamente sul pavimento del locale sovrastante).
La propagazione di tali rumori viene impedita sempre grazie ad un sistema “massa-molla-massa”, che prende il nome di “pavimento galleggiante”, avente lo scopo di disaccoppiare il pavimento dal solaio e quindi limitare la trasmissione dei suoni di natura impattiva dal pavimento sovrastante.
Il materiale usato per realizzare la desolidarizzazione del pavimento deve svolgere una opportuna azione smorzante nei confronti delle vibrazioni provenienti dal pavimento senza però risultare troppo cedevole.
Altrimenti, il peso del massetto e della pavimentazione sovrastante schiaccerebbero totalmente il materiale, il quale non sarebbe più in grado di svolgere alcuna azione smorzante.
Per questo motivo è necessario utilizzare materiali e prodotti studiati appositamente per tali applicazioni.

L’attenzione al fono-assorbimento è doverosa particolarmente dove è molto importante la qualità del suono (ad es. aule scolastiche, sale per spettacoli).

In questi casi, si studia il tempo di riverberazione, che indica in quanto tempo decade il suono emesso da una sorgente nello stesso locale. Il tempo di riverberazione aumenta all’aumentare del volume del locale e diminuisce all’aumentare delle proprietà fono-assorbenti delle pareti e di tutto ciò che si trova all’interno del locale.
Per raggiungere il desiderato tempo di riverbero (più basso per le aule, più alto per le sale da concerto), normalmente si riveste tutta la superficie del locale, o parte di essa, con materiali aventi determinate caratteristiche fono-assorbenti.