venerdì 2 gennaio 2015

Prorogati gli sgravi fiscali per le ristrutturazioni e le riqualificazioni energetiche

E' entrata in vigore il 1° gennaio 2015 la Legge 23 dicembre 2014, n. 190, meglio conosciuta come "Legge di Stabilità 2015" (pubblicata sul supplemento ordinario della serie generale n. 300 della Gazzetta Ufficiale del 29.12.14).

Tra le parti di interesse si segnala (cfr. art. 1.47) la proroga a tutto il 2015 degli attuali incentivi fiscali per:

  1. gli interventi di ristrutturazione, manutenzione straordinaria, manutenzione ordinaria (solo per le parti comuni) ed alcuni specifici interventi (ad esempio miglioramento dell'isolamento acustico o abbattimento delle barriere architettoniche);
  2. l'acquisto di immobili inseriti in edifici interamente ristrutturati da imprese di costruzione o cooperative nei 18 mesi antecedenti all'acquisto;
  3. alcuni interventi di riqualificazione energetica.

I primi sono stati prorogati tal quali: dunque può essere detratto (in dieci quote annuali) il 50% delle spese sostenute (fino ad un massimale di costo pari a 96.000 € riferito alla singola unità immobiliare, detrazione massima 48.000 €, IVA inclusa) entro il 31.12.15 per gli interventi di cui sopra (per maggiori informazioni si rimanda alla relativa Guida dell'Agenzia delle Entrate).

I secondi sono stati prorogati con la modifica che l'acquisto deve avvenire entro non più 6, ma 18 mesi dalla fine della ristrutturazione. Chi acquista questi immobili ristrutturati usufruisce quindi di una detrazione del 50% sul valore degli interventi che si assume pari al 25% del prezzo d'acquisto ed entro il limite massimo di 96.000 € (detrazione massima 48.000 € da ripartire in dieci quote annuali, IVA inclusa).

I terzi (il cosidetto "ecobonus") sono stati prorogati con due piccole modifiche, che riguardano tecnologie che già usufruivano di tali detrazioni:

  • schermature solari (60.000 € di massimale di detrazione, anche senza una contestuale sostituzione delle finestre);
  • caldaie a biomassa (30.000 € di massimale di detrazione, senza ulteriori requisiti).

In sintesi, le spese per i seguenti interventi di riqualificazione energetica possono essere detratte (in dieci quote annuali, IVA inclusa) nella misura del 65% con i relativi massimali.

Intervento Massimale di detrazione
Riqualificazione energetica globale 100.000 € riferito all'intero edificio
Miglioramento dell'isolamento termico 60.000 € riferito alla singola unità immobiliare
Installazione di schermature solari 60.000 € riferito alla singola unità immobiliare
Installazione di un impianto solare termico 60.000 € riferito alla singola unità immobiliare 
Sostituzione del generatore di calore con caldaia a condensazione, a biomassa o con pompa di calore 30.000 € riferito alla singola unità immobiliare

Per maggiori informazioni si rimanda alla relativa Guida dell'Agenzia delle Entrate sulle agevolazioni fiscali per il risparmio energetico.

In merito al miglioramento dell'isolamento termico, si ricorda che, per usufruire della detrazione del 65%, è necessario che la trasmittanza termica U dei componenti edilizi oggetto dell'intervento sia minore dei seguenti valori massimi.

UMAX [W/m2K]
Zona climatica Pareti verticali Coperture Pavimenti Porte e finestre
A 0,54 0,32 0,60 3,7
B 0,41 0,32 0,46 2,4
C 0,33 0,32 0,40 2,1
D 0,29 0,26 0,34 2,0
E 0,27 0,24 0,30 1,8
F 0,26 0,23 0,28 1,6

In caso di mancato rispetto dei massimi di cui sopra, l'intervento potrà comunque beneficiare della detrazione del 50%.

I tre incentivi precedenti resteranno in vigore anche successivamente al 2015, ma con condizioni meno favorevoli: la percentuale di detrazione è prevista calare al 36% con un unico massimale di spesa pari a 48.000 €.