domenica 26 marzo 2017

Recupero dei seminterrati in Lombardia

La LR Lombardia n. 7/2017 introduce la possibilità di recuperare (ad uso residenziale, terziario, commerciale) vani e locali seminterrati situati in edifici esistenti, legittimamente realizzati alla data del 28 marzo 2017 (data di entrata in vigore della Legge).

Per ottenere il recupero è necessario:

  • conseguire il rispetto di tutte le vigenti prescrizioni igienico-sanitarie; in particolare, l'altezza interna dei locali destinati alla permanenza di persone non può essere inferiore a 2,4 metri;
  • raggiungere i livelli di coibentazione termica previsti dalle norme vigenti (nazionali, regionali, comunali).

Il recupero può anche portare alla creazione di una unità abitativa autonoma, ed in tal caso scatteranno controlli inerenti l'idoneità igienico-sanitaria dei locali, anche in merito alla presenza di gas radon.

Nel caso di incremento del carico urbanistico, è previsto l’obbligo di reperire nuovi spazi per parcheggi e servizi consentendo la possibilità di monetizzarli.

Il recupero di vani e locali seminterrati con superficie lorda di pavimento fino a 200 mq per uso residenziale e 100 mq per altri usi, costituenti in base al titolo di proprietà una pertinenza di unità immobiliari collegata direttamente a essi, è esente dal versamento del costo di costruzione.

I Comuni, con deliberazione del Consiglio Comunale, possono disporre l'esclusione di parti del proprio territorio dalla possibilità di recupero:

  • entro il 26 luglio 2017 (ovvero 120 giorni dall'entrata in vigore della Legge);
  • a seguito di nuovi eventi alluvionali e di specifiche analisi di rischio geologico e idrogeologico.

La possibilità di recupero si applica direttamente dopo la delibera del Consiglio comunale di cui sopra e comunque non oltre il 26 luglio 2017.