FAQ

  1. A cosa servono lana di roccia e lana di vetro?
    La lana di roccia e la lana di vetro, altrimenti chiamate lane minerali, sono dei materiali isolanti ampiamente utilizzati per l’isolamento termico, acustico e la protezione dal fuoco. Servono per limitare la percezione dei rumori, migliorando quindi l’ambiente in cui viviamo, per trattenere il calore negli edifici d’inverno e mantenere basse le temperature d’estate. Tali prestazioni consentono altresì di ridurre notevolmente i consumi di energia e abbattere conseguentemente le emissioni di CO2 nell’ambiente.
     
  2. In quali oggetti o spazi posso trovare le lane minerali?
    Le lane minerali accompagnano la nostra vita: dalle case ai mezzi di trasporto, dagli elettrodomestici alle strutture industriali. Sotto forma di pannelli o lana sfusa, per la realizzazioni di cappotti, controsoffitti o nelle intercapedini dei muri delle nostre case, le lane minerali non sono visibili ma ci proteggono, permettendoci anche di risparmiare in termini di consumo energetico. Inoltre, trovano grande applicazione nelle industrie, per l’isolamento di impianti, e nei principali mezzi di trasporto, come i treni, le navi e le auto, per la coibentazione degli involucri.
     
  3. Le lane minerali sono materiali utilizzati in tutto il mondo?
    Assolutamente, le lane minerali sono il materiale isolante più utilizzato al mondo. Nei paesi del Nord Europa, come Danimarca, Norvegia e Svezia, dove da sempre c’è molta sensibilità per le tematiche di risparmio energetico e comfort delle abitazioni, la percentuale di utilizzo di questi materiali varia dall’81% al 91%. In Italia la quota di mercato delle lane minerali si attesta attorno al 20%.
     
  4. La lana di vetro e la lana di roccia prodotte dagli associati FIVRA sono pericolose?
    No, lane minerali prodotte dagli associati FIVRA non rappresentano un pericolo per la salute dell’uomo o per la tutela dell’ambiente. Sono create artificialmente e composte da fibre certificate, che rispondono ai criteri definiti dalla Nota Q della Direttiva 97/69/CE e del Regolamento 1272/2008, per garantire la totale sicurezza, dalla produzione alla fase di posa fino alla eventuale rimozione.
     
  5. È corretto associare lane minerali e amianto?
    No, è assolutamente sbagliato associare lana di roccia e lana di vetro all’amianto. Le lane minerali sono prodotte artificialmente, e quindi controllate e controllabili, mentre l’amianto è un prodotto naturale. Da ciò ne deriva la pericolosità: le fibre dell’amianto sono soggette a sfaldarsi e presentano un’elevata biopersistenza. Le lane minerali prodotte dagli associati FIVRA, invece, sono composte da fibre biosolubili, non sono soggette a sfaldature, che, qualora aerodisperse, perdono la loro consistenza fibrosa.
     
  6. Cosa si intende per biopersistenza e biosolubilità?
    Per biopersistenza si intende la durata di permanenza delle fibre all’interno dell’organismo umano, qualora vengano inalate. La biosolubilità, al contrario, dimostra la capacità di tali fibre di sciogliersi all’interno dei liquidi fisiologici. Questi due parametri, quindi, determinano l’effetto potenziale delle fibre sulla salute dell’uomo. Le fibre che, come l’amianto, hanno lunga vita nei polmoni, quindi scarsamente biosolubili, possono risultare più pericolose per l’organismo umano. Le fibre biosolubili, come le lane minerali prodotte dagli associati FIVRA, si sciolgono facilmente nei polmoni e non rappresentano un pericolo per la salute.
     
  7. Sono necessarie alcune precauzioni se si viene a contatto con le lane?
    Gli addetti ai lavori, o coloro che realizzano in casa alcuni interventi di ristrutturazione, si devono semplicemente attenere in via cautelativa ad alcune basilari norme di sicurezza. Come avviene per altri prodotti normalmente utilizzati nei cantieri, è consigliabile aerare l’ambiente, indossare una maschera anti-polvere e pulire i locali con un aspiratore.
     
  8. Se isolo la mia casa con un cappotto, corro qualche rischio?
    No, le lane minerali degli associati FIVRA sono prodotti sicuri da utilizzare. Durante la posa dei materiali l’esposizione alle fibre è di breve durata e, una volta installati, non c’è alcuna dispersione di sostanze. I pannelli di lana di roccia e lana di vetro, tra l’altro, sono coperti da un rivestimento e il perimetro dei bordi tagliati viene profilato o dipinto. Non può avvenire, perciò, alcuna emissione di sostanze chimiche o polveri.
     
  9. Come vengono trattate le lane minerali in discarica?
    I rifiuti costituiti da lana di roccia e lana di vetro possono essere smaltiti nelle discariche come rifiuti non pericolosi. Come per i rifiuti inerti, le lane minerali dismesse devono essere depositate in celle dedicate, che si trovano all’interno della discarica.